MEETING “CITTÀ DI PADOVA”, LA XXX EDIZIONE È QUELLA DEI RECORD

Zangobbo-Fraser

Due primati dell’evento (Silva ed Eccleston), una miglior prestazione italiana under 23 (Malavisi), 8 primati personali e 9 stagionali. Il presidente Destro: «E’ stata una festa per tutto lo sport». Online un video per rivivere in due minuti le emozioni dell’evento

 

Due record della manifestazione (siglati dalla campionessa mondiale cubana Yarisley Silva, salita sino a quota 4.71, “cancellando” il 4.62 di Stacy Dragila stabilito nel 2002, e dalla statunitense Amanda Eccleston che, bloccando il cronometro dopo 4’04”88 nei 1.500, ha migliorato il 4’06’59” di Ivonne Mai-Grabner, che durava addirittura dal 1990). Ma anche un record italiano under 23, firmato da Sonia Malavisi, salita a 4.51 nella gara vinta dalla Silva, misura che le ha concesso il pass per Rio. E inoltre 8 primati personali realizzati e 9 primati stagionali. Il tutto unito all’entusiasmo di migliaia di persone accorse allo Stadio Euganeo ad applaudire i campioni dell’atletica leggera internazionale alla vigilia dei Giochi Olimpici, fra cui spiccava lei, Shelly-Ann Fraser-Pryce, “the pocket rocket”, la regina. Il giorno dopo, il bilancio del XXX Meeting Città di Padova non può che essere positivo.

«È stata una festa per tutto lo sport, grazie anche alla passerella dei campioni delle altre discipline organizzata in collaborazione con l’Amministrazione comunale. Al centro, ovviamente, c’era l’atletica: in questo senso, il Meeting porta a Padova i campioni che poi bambini e ragazzi vogliono emulare, cominciando a fare sport a propria volta. Il loro entusiasmo è la nostra più grande vittoria» sottolinea Leopoldo Destro, presidente di Assindustria Sport, società organizzatrice. «Dal punto di vista tecnico, riportare l’evento a luglio in questa edizione, tenendo conto della vicinanza dei Giochi Olimpici, ha pagato, con numerose prestazioni di alto livello, e lo testimonia bene il fatto che i record abbattuti da Silva ed Eccleston durassero entrambi da decenni. Ora non resta che dare appuntamento all’edizione 2017, non prima di aver fatto un grosso in bocca al lupo agli atleti che rivedremo a Rio».

Fra i primati personali quello del vincitore dei 1.500 maschili Erich Avila (3’36”37) e, nella stessa gara, degli azzurri Joao Bussotti Neves Junior, (3’37”90, ed erano cinque anni che un italiano non scendeva sotto il muro dei 3’38”) e Yemaneberhan Crippa (3’38”37). Sempre in chiave azzurra da segnalare il miglioramento di Joyce Mattagliano (2’04”73) negli 800 vinti dalla padovana adottiva Yusneysi Santiusti, che, dallo Stadio Euganeo, ha ricevuto la carica per presentarsi al meglio a Rio. Il doppio giro di pista, per sua stessa ammissione, ha inoltre lasciato ottime sensazione a Giordano Benedetti, che a Padova ha realizzato la sua miglior prestazione nel 2016 (1’46”47).

Al link https://www.facebook.com/Meeting-Citt%C3%A0-di-Padova-1744668349141866/ è possibile rivivere in poco più di 2 minuti le emozioni più intense del XXX Meeting Città di Padova, nel video a cura dell’agenzia Videoe20.

 

Nelle foto (di Antonio Muzzolon) Carol Zangobbo e Shelly-Ann Fraser-Pryce